Raccomandazioni

L'arrivo del piccolo può anche causare problemi sul treno


Bambino di tre anni, felice, equilibrato, con una buona storia familiare. Apparentemente non c'è motivo di trattenere la custodia, ma non vuoi andare in bagno di tanto in tanto. Tamás Vekerdy ​​risponde.

L'arrivo del piccolo può anche causare problemi sul treno"La mia bambina sarà 3 mesi dopo in 2 mesi. E il problema non è iniziato da sei mesi. Non so esattamente cosa o perché si piega, non faccio la cacca, non voglio fare la cacca. ama (non mi è mai piaciuto prima), ci assicuriamo di ottenere la giusta quantità di fibra. in questo caso ci siamo allontanati molte volte dalla solita routine quotidiana, ma adora venire. Da settembre all'addio, il primo mese è stato più difficile; e sembriamo anche felici di andare da un medico omeopatico che pensa Per lo meno, è più avanzato nei suoi sensi, quindi è più sensibile, a volte più ansioso, quindi si sta trattenendo. Gioca la maggior parte del tempo, gli piace essere un bambino. Mio fratello entra nei giochi, ma a volte non capiamo perché non vuole essere se stesso. Eravamo anche in ospedale, dove per una settimana niente cacca, nessuna differenza fisiologica, suggeriva l'olio di paraffina e al mattino e alla sera riceverai un cucchiaino. (Perché se parli della bava, è doloroso stamparla - un eccentrico.) Oggi è cambiato così tanto che quando gli dai una cacca, fai la cacca, anche per cinque giorni, ma non il sesto giorno. vuole fare la cacca. Se mi chiedi perché no, rispondi solo che non so perché ma non voglio. Siamo solo innocenti prima di questo. So che questo periodo è la racchetta, ma puoi parlarne, ne hai bisogno, ri-parli dei tuoi eventi, vuoi ottenere risposte a tutti loro e li ottieni. Altri pensano che sia una bambina equilibrata e felice, ma perché non vuoi fare la cacca ?? Tra un paio di mesi darà alla luce un fratello che sembra essere molto nel sangue. (Non sapevamo nemmeno che fossi incinta e non parlavamo di volere il suo fratellino, avevo circa 3-4 settimane quando mi disse:
"Mamma, mi aspetto il mio fratellino quando esce dallo stomaco?" Sono rimasto completamente sorpreso, non ho idea di come lo sapesse, perché non lo sentivo neanche io. Non so nemmeno come sapesse che sarebbe uscito dal suo stomaco, non gli abbiamo parlato in quel modo, aveva solo due settimane, non ha visto suo padre, ci ha appena parlato.) gli ricorderà che non è il solo figlio, che penso non farà bene alla cacca. Cosa fare o non fare? Perché e quanto è "normale" questo contrario? "
Anche se non credo nelle diagnosi remote, posso probabilmente dire che i medici hanno ragione sulla verità: la moderazione non è di origine fisica ma di origine spirituale. Leggendo l'inizio della lettera - "Non faccio la cacca, non voglio la cacca" - mi hanno sempre chiesto le solite domande. I genitori stessi, se non altro per pochi giorni, hanno viaggiato da qualche parte e, diciamo, i nonni, hanno schiacciato i nonni? Inoltre, sei lontano da casa o sei stato in ospedale? flusso di immagini inconsce o ipocrite che non vuole perdere qualcosa, non vuole lasciar andare qualcosaappartengono a se stessi, al proprio corpo - o persino al proprio corpo. Dopotutto, come dice il bambino, nei primi anni della sua vita rimane simbiotico con sua madre, vivendo una vita comune. Allora perché i genitori e soprattutto la madre "scompaiono" in questa presa? E giustamente, questo periodo è l'inizio di una "bacchetta" particolarmente sensibile, che è il problema principale con rottura, svolazzanti (che voglio e non). non vuole che qualcosa cambi in questo forte legame che ti fa sentire al sicuro, quando l'età porta alla necessità di cambiare? (Si usa anche per dire che durante questo periodo della vita del bambino, se possibile, "non muoverti", cioè per mantenere invariate le condizioni esterne. ) Leggendo ulteriormente la lettera, alla fine, la parte tra parentesi mi ha ricordato che "ecco la soluzione"! O almeno, anche qui? Prima di allora, non ti avevano detto che volevano un "fratellino"? Dico anche dalle sue parole che poteva immaginare che se non gli avesse mai parlato prima, avrebbe potuto sentirlo. O qualcuno potrebbe parlare di qualcosa del genere in famiglia, o solo nella stregoneria, in cui i bambini non solo giocano per far uscire il bambino dallo stomaco, ma anche per dire che il bambino è lo stesso del bambino. che il sintomo è appena iniziato. Ma possiamo vedere che può essere una fonte umana, che si rinforza a vicenda per lo sviluppo di tale ansia, e sicuramente ne abbiamo elencati solo pochi tra i possibili. Per dirla un po 'più in profondità, in questi casi, possiamo trovare un flusso di schemi inconsci ancora una volta in terapia, come "Sono tutt'uno con mia madre e se voglio che mia madre non mi faccia la cacca", Tali formule sono rafforzate solo dall'atteggiamento esteriore di "guardare avanti" verso il fratellino.
Per quanto riguarda la terapia, rivolgersi a un medico del terzo anno è un buon modo per andare da uno psicologo, se possibile, andare alla terapia regolare almeno tre volte a settimana e in genere aspettarsi un rapido recupero e una completa "guarigione". Articolo Fonte: Tamás Vekerdy: The Parent Guide, The Psychologist Answers 2nd Book.
  • Non dà ciò che sono le fissazioni anaboliche
  • Nessuna stampa, nessuna venuta!
  • Di 'al grande che sta arrivando il piccolo