Sezione principale

Non dire che è un soldato! Piuttosto confortala!


Secondo la ricerca, se stai piangendo per un bambino, invece di dirgli di essere forte e non soffocare, è meglio che lo facciamo e cerchiamo di confortarlo.

Se caghi, confortalo


Una delle cose più difficili della genitorialità è spesso la difficoltà di decidere se la nostra reazione aiuterà il nostro bambino a diventare un adulto felice, equilibrato o, al contrario, a causare sofferenza. Ascoltare i nostri commenti è particolarmente difficile quando le nostre vite valgono qualcosa per il bene di qualcosa che sembra ai nostri occhi - afferma ScaryMommy. sotto il divano come sempre). In questi casi, tendiamo a sussultare, e il noto "beh, ecco perché non devi cantare", testo "soldato". Ma secondo le ultime ricerche, questo è il caso possiamo causare piccoli problemi psicologici da un gruppo di 33 bambini in età prescolare di grandi gruppi, si è scoperto che i bambini i cui genitori hanno reagito duramente ai sentimenti negativi dei bambini, sempre meno piangendo e che dire del principio "genitore maschile", "i ragazzi non piangono"? Bene, questo ha chiaramente dimostrato di essere sbagliato. Uno studio sulla partecipazione degli studenti universitari del 2015 ha scoperto che i ragazzi puniti dalla madre per aver pianto molto per qualcosa, hanno avuto molti più problemi con l'aggressivitàcome quelli che sono fuggiti con le loro mamme hanno sempre trovato conforto. (Tra le ragazze del college, coloro che sono stati puniti per il disagio infantile hanno avuto problemi simili con la madre solo se non hanno avuto una relazione adulta.) nostro figlio, hai bisogno di consolazione, giusto? Il nostro compito è fornire sicurezza e comfort, anche quando si tratta di cose apparentemente insignificanti (come un piccolo livido). Non importa se qualcuno ha 3 o 33 anni, tutti vogliono sentire i propri sentimenti e opinioni. Ashley Soderlund, uno psicologo infantile rassicurerà ogni genitore che suo figlio sta andando al centro di un centro di cassa nella più intensa educazione al parto. "I bambini devono esercitarsi nell'esprimere le proprie emozioni e imparare a gestirle. La regola d'oro è che le emozioni non devono mai essere considerate ostili, anche se non lo sono."Articoli correlati:
  • Non dirgli "non piangere", provali invece!
  • I 5 fraintendimenti più comuni nella genitorialità
  • Sì, puoi educare senza punizione!