Sezione principale

Dipende da chi diventa allergico


In Ungheria la popolazione è di ca. Tra il 20% e il 25% dei pazienti soffre di allergie respiratorie e / o tonsillite. Il numero di pazienti è raddoppiato negli ultimi 10-15 anni e continua a crescere, con previsioni che raggiungono il 50% in 20 anni.

Dipende da chi diventa allergicoSempre più persone si rivolgono a medici di talento per i sintomi di screening, dott. Chirurgia polmonare Gyula Potgyz, allergologo, capo medico del centro allergologico di Buda, abbiamo posto le domande più frequenti sugli ordini.

Quali sono le cause dei sintomi allergici?

I pazienti sono naturalmente interessati a ciò che sta accadendo nei loro corpi. Vale anche la pena di spiegare brevemente, poiché l'esperienza del processo è meglio compresa e l'esperienza ha dimostrato che il trattamento sarà più efficace. Le allergie sono essenzialmente una reazione eccessiva del sistema immunitario ad altre sostanze innocue presenti nel nostro ambiente. Queste sostanze sono riconosciute dall'organismo come allergiche e producono anticorpi contro di essa. È allergenico a questo anticorpo specifico del tipo IgE. In caso di allergia ai pollini, l'allergene è il polline, che è il polline della pianta in fiore.

Quali sono le piante allergiche comuni?

Nel nostro paese ca. 2000 fiori crescevano dalla pianta ca. Il polline di 250 specie è allergenico. Principalmente le piante impollinate sono tra queste. I principali gruppi in Ungheria, che sono allergici, spesso iniziano con le arachidi a febbraio, poi i boschi e quelli legnosi. Questo è il momento in cui fioriscono i pioppi, che causano molti semi, ma è più probabile che causino il sintomo a causa dell'adesione del moncone. Il polline di pioppo stesso è un allergene lieve. Sono molto allergico al polline di molte specie, e dopo la fine di luglio alle erbacce - tra cui il "primo" dell'Ungheria, l'ambrosia. È molto aggressivo, causa sintomi fino al primo gelo e può filtrare il polline.

Cosa dipende da chi diventa allergico?

La predisposizione genetica ha un ruolo comprovato nello sviluppo di malattie allergiche. Il rischio di sviluppare un'allergia in un neonato è di circa il 25% superiore, se tutti i genitori sono allergici, quindi il 50% in più rispetto se tutti i genitori non sono allergici (rischio del 10% in questo caso). In questo caso, è sempre importante spiegare che la predisposizione, tuttavia, non è una malattia. I sintomi allergici - la malattia - si sviluppano in alcuni fattori interni. Può essere un danno ambientale, infettivo, cambiamento ormonale, stress o una combinazione di questi. È un fattore interessante, ma eccessive abitudini igieniche nel mantenimento di condizioni "sterili" nei bambini contribuiscono anche allo sviluppo di allergie al sistema immunitario.

Come posso trattare le allergie ai pollini?

Il trattamento medico dei sintomi allergici è molto importante. Non solo in termini di qualità della vita del paziente, ma anche a causa del rischio di sviluppare l'asma ipoallergenico nell'allergia non trattata.
Le allergie sono influenzate dagli steroidi spray nasali o dagli antistaminici, che possono essere utilizzati per un periodo di tempo più lungo. L'uso di altri spray nasali per il trattamento delle allergie non è raccomandato ed è controindicato a causa degli effetti collaterali dell'uso prolungato. Le compresse di antistaminici, a livello di colliri, fanno parte di un trattamento efficace per i sintomi. Trattamenti alternativi alle terapie complementari possono essere utilizzati per la fototerapia o l'agopuntura, ma non sono raccomandati da soli e dovrebbero essere ricercati solo da un terapeuta qualificato.

Esiste una possibile soluzione ai sintomi allergici?

L'immunoterapia è la causa principale dell'allergia ai pollini, che colpisce la causa dell'allergia, non solo i suoi sintomi. È attualmente disponibile in Ungheria in caso di allergia ai nervi, ai grassi e all'ambrosia. Immunoterapia orale sempre più popolare (Immunoterapia sublinguale SLIT) Il vantaggio di convertire una risposta immunitaria allergica in una risposta immunitaria "ricordante" è che può eliminare l'allergia o almeno ridurla in modo significativo. Si consiglia di iniziare l'immunoterapia in anticipo, non aspettare anni, per evitare l'accumulo di sintomi e la possibile asma. Inizialmente, ci sono almeno 2 mesi prima che la pianta allergenica sia in fiore.

Cosa devo fare se ho sintomi adesso?

Cerca un trattamento allergico. Quando si verificano sintomi allergici, può essere iniziato un trattamento sintomatico comune e può essere ancora possibile un esame allergico. Il test cutaneo è raccomandato solo durante la bassa stagione. Se si conoscono allergie e la potenziale immunoterapia è efficace e raccomandata, si consiglia di iniziare prima della stagione successiva. Nel frattempo, può essere usato un trattamento sintomatico.
  • Le domande più comuni sull'allergologia
  • Le allergie non trattate possono svilupparsi in asma
  • Le allergie possono causare problemi con il pungidito?