Risposte alle domande

Il caso dei bambini nati con donazioni di gameti


In Ungheria, ci sono un certo numero di coppie che hanno problemi di infertilità sia sul lato maschile che su quello femminile, e talvolta la coppia è somatica, cioè cause fisiche del bambino.

In tali casi, il potenziale per la donazione di cellule germinali è predominante, il che si traduce nella concezione di un bambino da parte dello sperma di un donatore relativo o anonimo (uovo o sperma). Perché in questi casi, la donna può trasportare lei stessa il bambino e l'ambiente non necessariamente sa che è nata la donazione di gameti da parte del bambino. I genitori possono avere molti dubbi al riguardo, come dire al posto di lavoro, alla famiglia o al neonato che hanno partecipato a un programma di donazione. Questa difficile richiesta è stata risolta con l'aiuto di Higi Vera, psicologa dell'Istituto riproduttivo umano di Versys Clinics.

Esiste una somiglianza nello sfondo spirituale della donazione e dell'adozione delle cellule germinali?


Dal punto di vista del fatto che uno dei membri della coppia non è un genitore biologico del bambino che nasce, molti aspetti sono molto più personali per il genitore adottivo. I genitori si aspettano che il bambino nascerà insieme, cioè vivranno insieme per i nove mesi che avranno, come se anche il bambino non fosse nato geneticamente, il bambino crescerà nell'utero. A questo punto, sappiamo esattamente dalla ricerca che le sensazioni materne, gli ormoni nel corpo della madre e il rapporto tra il padre e la madre sono interessati.

La donazione di cellule germinali ha i suoi vantaggi. Ci sono degli svantaggi nell'adozione tradizionale?



La donazione di cellule germinali è probabilmente una possibilità più "ineguale" rispetto all'accettazione del fatto che in tali casi, un membro della coppia è geneticamente nato, mentre l'altro no. Occasionalmente, scopriamo che ogni membro della coppia prova rimorso per questo. Uno di loro, perché sente di non poter avere un bambino a causa sua e, a causa del suo concepimento, non è in grado di concepire a casa, le circostanze intime del bambino e l'altro, perché pensa di avere torto.

Come risolvere questa difficile situazione?


Fortunatamente, molte persone sono in grado di condividere le proprie preoccupazioni sulla situazione per conto proprio. Le coppie che sono abituate ad avere relazioni che sono in grado di risolvere le controversie, anche se sono in controversia, generalmente trovano più facile farlo. Sono anche spaventati se riescono a gestire questa situazione, perché questo conflitto di coscienza non apparirà più nei sentimenti del loro bambino.
Che dire delle coppie che non vogliono parlare del problema?
Incontriamo principalmente uomini per cercare di sembrare uno "stramm" prima della loro coppia e dei loro dintorni. Ammettono più spesso che se non parliamo di roula, non saranno stanchi. Tuttavia, mantengono anche la pressione, anche se cercano di ignorarla. Per molti aspetti, la pressione spirituale è come un peso fisico. Se portiamo un peso pesante non nelle nostre mani, ma lo mettiamo sulla schiena in uno zaino, in modo da non vederlo, ci caricherà come se fosse davanti ai nostri occhi. Anche se difficile, questo viene sempre più riconosciuto in relazione ai problemi spirituali.

Come per l'adozione, qui sorge la domanda se valga la pena dire all'ambiente o al bambino della donazione.

L'adozione ha reso molto più facile mantenere segreta la donazione di cellule germinali perché anche i genitori della coppia non insistono necessariamente per avere i loro figli al centro dell'infertilità. Quindi, se avviare o meno l'ambiente è sempre una questione di bilanciamento di ciò che vale la pena fare alla coppia. Lo stesso vale per il fatto che tu sia arrabbiato con tuo figlio quando è un po 'più concepito.

C'è qualche ricerca su questo argomento?


Ad esempio, una pubblicazione di ricerca americana sulla rivista Fertility and Sterility ha chiesto 141 donazioni di una coppia sposata. Sulla base dei rapporti, le coppie che hanno scelto di raccontare ai propri figli il concetto di concepimento sono state in grado di scegliere tra due strategie. Una strategia è che i genitori raccontino la loro concezione di un bambino all'età di tre o tre anni, cioè quando i bambini iniziano a indagare su come nasce un bambino. Il motivo è che vuoi che tuo figlio "cresca in questo", cioè non faccia docce fredde e non perda la fiducia nei suoi genitori. L'altra strategia era che i genitori aspettassero che il bambino fosse abbastanza grande da porre attivamente domande. Da questa strategia, abbiamo scoperto che i genitori erano generalmente più incerti in se stessi e nella risposta futura dei bambini. Questi genitori temevano di più che avrebbero fatto del male ai loro figli anche se avessero reclamato positivamente la donazione. In generale, tuttavia, l'esperienza che i segreti di famiglia lasciano un segno nelle relazioni, ad esempio, è meno probabile che i genitori abbiano il diritto di rendere conto di un figlio se nascondono loro stessi una cosa così importante.

Come possono essere aiutate queste coppie in questa difficile situazione?


Ognuno vale la pena aiutare al proprio posto ed è importante prendere in considerazione le richieste della coppia. I genitori in questa situazione possono soprattutto aiutarsi a vicenda ascoltando gli altri e discutendo su come la loro coppia supererà l'intera situazione. In questo periodo, uno psicologo peer-to-peer o altri psicologi possono essere di aiuto professionale, ma ovviamente tutti i professionisti coinvolti nel programma devono affrontare questa situazione con sufficiente esperienza. Devi anche sapere che, sebbene il contesto somatico sia molte volte simile tra loro, ogni coppia ha una storia di vita unica, un caso individuale, ed è per questo che devono essere aiutati a trovare la propria soluzione. Fonte: Higi Vera, psicologa, membro del Versys Clinics Human Reproductive Institute,