Altro

Riabilitazione oculare II.


Qual è l'effetto dell'effetto occhi rossi e cosa dice al medico? Questo articolo rivela molte altre cose.

Il nervo

Lo strato più interno del bulbo oculare è la retina, che sporge dalla palpebra in un punto sottile. Dove è più spesso, è solo 0,5 mm. Nella retina si trovano le cellule nervose in grado di rilevare la luce.
Se stai scattando una foto a qualcuno con un flash, di solito avrai un "occhio rosso" nell'immagine. Questo non è un bene per l'immagine, ma va ben oltre il modello. La "luce posteriore rossa", come la chiama il linguaggio medico, è causata dal bagliore all'interno dell'occhio. La retina sana ha una forma perfetta, ma l'attaccatura dei capelli sottostante è tagliata dall'attaccatura dei capelli. Il colore rosso di questa struttura densa si vede brillare nell'area della pupilla quando le "cornee, le lenti e il vitreo" del nostro modello sono chiare.
Una buona retroilluminazione rossa significa che la luce brilla completamente fino alla retina, la persona che viene rappresentata sembra effettivamente buona. Vale anche la pena fare una foto "cattiva" di una bambola. L'occhio rosso non significa che tutto sia a posto, ma se uno degli occhi non ha visto una luce posteriore rossa, è una ragione sufficiente per visitare l'occhio del bambino con urgenza.

Gli oculari dei neonati sono ancora completamente elastici.

Rubinetti e rack

L'occhio umano ha due diverse cellule sensoriali, bastoncelli e spille. I galli sono chiamati cellule nervose specializzate nella fecondazione, con circa 6 milioni nella retina totale. Tre diversi gruppi di essi rappresentano la luce rossa, blu e verde. I pin hanno bisogno di più luce per funzionare, ma sono un'immagine molto più ricca dei pin.
La distribuzione delle cellule sensoriali bifasiche nella corteccia nervosa non è uniforme. Il luogo dell'eccitazione è una zona distinta della retina. Prende il nome da un colore giallo gatto, chiamato "macula latin" (latino per macula lutea). Per vedere un'immagine "immacolata" del nostro ambiente, il punto giallo deve funzionare perfettamente. L'area della macula lutea è esclusivamente perni, molto più densamente assemblata rispetto al resto della corteccia nervosa. Per i compiti visivi più fini - scrivere, leggere - l'intera area del diametro di 1,5 mm richiede la salute di un intero.
Ai bordi del punto giallo, la densità dei perni è ridotta, quindi i sedili sono completamente allineati. Ce ne sono 120 milioni negli occhi, si trovano solo in bianco e nero, ma sono estremamente sensibili alla luce e funzionano bene al buio. Con solo una debole luce - diciamo, in una notte stellata - abbiamo tutti sperimentato il fatto che guardiamo un po 'le cose. Quindi non li esaminiamo con spille, nel punto giallo "indifeso" scuro, ma con bisturi situati in altre aree dell'estremità del nervo.

Segnale elettrico

Le cellule sensibili contengono diversi pigmenti di colorante, che sono in grado di assorbire la luce a lunghezze d'onda specifiche e di decomporsi. Al buio, ci sono flussi ionici unidirezionali sui due lati della membrana limitante delle cellule sensibili, che si traduce in un aumento della tensione. Quando arriva la luce, questo flusso di carica viene interrotto dalla reazione chimica della decomposizione della vernice. Il pompiere "calcia" la tensione.
Esistono prove del fatto che le etichette, progettate per distinguere tra oscurità e luce, sono così sensibili che possono indicare l'ingresso di un solo fotone - un pacchetto di energia luminosa. I pin richiedono almeno 5-7 volte più luce per generare un segnale ed eseguire ruoli di differenziazione del colore.
Affinché spille e vassoi possano dare vita a nuovi accendini, hanno bisogno di rigenerarsi, il che richiede un po 'di tempo. Durante questo periodo, sono tenuti a riparare il toner degradato e la tensione lungo la corteccia cellulare.
La segnalazione delle cellule sensoriali è un processo estremamente nutriente e che consuma ossigeno. Le cellule sensoriali muoiono entro 6 urne, se non ottengono cibo, il disturbo dell'apporto di ossigeno nervoso provoca solo un paio d'ore di cecità. Le arterie retinopatiche iniziano anche dalla testa del nervo e coprono i glutei. Il blocco del potere retinico centrale della retina crea un "infarto" dell'occhio.

La retina si apre

La luce raggiunge prima i 300.000 km / s attraverso la cornea, l'obiettivo e poi la retina attraverso il vitreo: la velocità della luce, anche se piccola, ma di dimensioni variabili.
I due elementi di illuminazione più importanti sono la cornea e l'obiettivo. Le capacità luminose sono determinate dal raggio di curvatura e dall'indice di rifrazione del loro materiale. Per semplicità, possiamo modellare la potenza luminosa delle fotocellule con un'unica lente appropriata.
L'efficacia luminosa dell'occhio è data dalla diottria, che è il reciproco della lunghezza focale dell'obiettivo. Sostituendo gli elementi illuminanti dell'occhio umano, l'obiettivo avrebbe una lunghezza focale di 15 mm. Ciò significa che a tale distanza i raggi di luce si incontrano in un punto prima dell'obiettivo e prima della retina. Pertanto, il potere di rifrazione dell'occhio è di 66,6 diottrie (1 m / 0,015 m = 66,6). Da questo, la capacità del corno della cornea è di ca. 42 diottrie, lente ca. 24 diottrie jut. Man mano che i fasci di luce si intersecano prima della retina, l'immagine sulla retina si riduce: poiché l'immagine da elaborare è sempre retinica e deve essere di dimensioni adeguate, l'occhio deve adattarsi. Questo si chiama accomodation, che può essere fatto cambiando la forma dell'obiettivo. (Nel prossimo futuro, quando gli alunni lavorano, gli alunni lavorano, si abbassano e le due palpebre si girano l'una sull'altra e l'interno solletica.
Gli occhi sono fatti del fatto che oggetti di distanza infinita - in pratica, più di 5 metri - cadono sulla retina senza adattamento. Più vicino al soggetto, l'immagine ridimensionata sarebbe la retina, se non modificata con questa goffratura dell'obiettivo.
In remoto, quando il corpo di radiazione aderisce alla lente che fissa le fibre, si rilassa, appiattendo la superficie interna dell'occhio. Le lenti appese sull'obiettivo si allungano, allungano la custodia dell'obiettivo e appiattiscono l'obiettivo all'interno. Per uno sguardo ravvicinato, devi fare un po 'di lavoro, l'anello muscolare del raggio è stretto, le fibre pendenti dell'obiettivo non sono più allungate, l'obiettivo si restringe, è più convesso.
Gli oculari del giovane sono ancora molto flessibili, quindi non deve preoccuparsi della deformazione. Senza adattamento, la linea di vista più lontana (punto distale) nell'occhio giovane è praticamente infinita e la capacità di adattamento è completamente visibile (al centro) circa 10 cm davanti all'occhio. La differenza tra i due è anche data dalla diottria. Questi valori possono essere fino a 10-15 diottrie nell'infanzia.

La retina fa parte del cervello

Le informazioni dai perni e dai vassoi passano attraverso le cellule nervose situate nella retina in più strati. In effetti, la retina non contiene tutte le cellule del recettore. Almeno l'altra metà delle cellule del sistema nervoso funzionano e funzionano come un processore elementare, un'unità di regolazione e sempre più, la trasformazione di alcune informazioni dal mondo inizia nella retina.
In virtù del suo sviluppo, struttura e funzione, la retina è considerata parte del cervello. Infine, i lunghi filamenti di cellule nervose si imbattono in fibre nervose e quindi corrono attorno al corpo luteo fino a un diametro di 1,5 mm. Non ci sono cellule filamentose nel nervo ottico, quindi il nervo è "cieco" in quest'area. Ecco perché questa zona è chiamata punto cieco: metà delle fibre del nervo ottico si intersecano alla base del cervello. Le fibre che attraversano i passaggi nasali della retina si intersecano solo. Vengono elaborate informazioni dalle aree nasali della retina dell'occhio sinistro al cervelletto destro, dalle stesse aree della retina dell'occhio destro al cervelletto sinistro. Le fibre nervose provenienti dalle aree della retina di Halabnet non si incrociano. Questa disposizione ci aiuta a determinare in quale fase dell'atrio, in alcuni casi di lesioni del nervo ottico, o nel caso di un tumore al cervello che colpisce la sola laringe.
Il nervo freddo spinge le informazioni al cervello ad una velocità di 100 m / s. L'interruzione, la distruzione del nervo ottico (ad es. Ghiandola pituitaria) provoca cecità immediata e purtroppo incurabile. A causa della sua complicata organizzazione microscopica, non è possibile "rattopparlo" nuovamente con i metodi di neurochirurgia di oggi.
A causa dell'intersezione del nervo ottico, la corteccia visiva primaria trovata nel lobo occipitale riceve informazioni da ogni persona di fronte al cervello. Qui veniamo a conoscenza di ciò che abbiamo visto e la sua funzione è necessaria per la memoria visiva. Importanti granuli dalla corteccia visiva portano ulteriormente alla ghiandola pineale. Consapevole dei cambiamenti nell'ora del giorno, il nostro corpo sviluppa il ritmo circadiano dei nostri corpi e delle nostre menti (24 ore).
Riabilitazione oculare e funzionamento I.