Altro

Ho dovuto lasciare andare suo fratello

Ho dovuto lasciare andare suo fratello



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Adesso ho tre figli, Szilvia Oláh-Papp inizia la storia. Il più vecchio non è altro che i fotografi, proprio ovunque: nel cuore, nei loro pensieri, nei loro ricordi. Tuttavia, per rendere i due più piccoli, Szilvi ha dovuto fare molta strada.

Foto: Haralambidou Anthoula

- Chiunque ce ne parli non parla di roulette, perché ha paura di non capire nessuno che non sia morto. Eppure siamo una troia che ha una storia non raccontata! Ora, molti anni dopo, parlo della roulette perché diventerà familiare ai nostri compagni sconosciuti - inizia Szilvi (41).
"Benedict, il nostro primo bambino, concepito rapidamente, sviluppato magnificamente, non si è mai ammalato." Poi ha improvvisamente dormito un anno e poi ogni mattina. Siamo stati prima delle vacanze e non abbiamo apprezzato quello che è successo, lo stomaco non si è rovinato, non ha avuto la diarrea. Il nostro medico ci ha inviato al Madarab Street Hospital, seguito da una serie di test, con una diagnosi di cancro al cervello. Nella nostra clinica in America, abbiamo operato il nostro bambino. C'era una visita a giorni alterni, dovevamo staccarci ogni giorno dal bambino singhiozzante malato. Mio marito ed io, dopo l'intervento, mi abbiamo detto quanto poche sono le nostre possibilità. Conoscevo la malattia perché mio padre era morto per un tumore al cervello, quindi non volevo tenerne conto. Non credevo che Benedetto avrebbe guarito. Quando ci siamo trasferiti nell'aftercare in Tыzoltу Street, dove il nostro bambino era il più piccolo, ho dormito tre di fila. Siamo stati i primi camminatori e hanno iniziato a vivere con i loro diritti sempre di più.

È stato prescritto un farmaco

Vecchia foto della piccola Benedekle

- Lì, la clinica pediatrica mi ha dato un po 'di sedazione. Coloro che ci vanno per un periodo più lungo vengono trattati da uno psicologo. Non abbiamo avuto molto tempo. Alla fine, verrà data una camera familiare a coloro che hanno appena lasciato la schiena. Poi ho lasciato andare Benedict me stesso in modo che non si preoccupasse più di nulla e sembrava averlo capito. Eravamo accanto a lui quando batteva il suo ultimo cuore. Il settembre 2003 era il sedicesimo.
- Non c'è molto tempo per curare, mi è stato consigliato di rinunciare a mio figlio entro tre giorni, per presentare personalmente e persino in modo giustificato i sacerdoti della chiesa. Stavamo aspettando un mese di guarigione impaziente, quando non potevamo nemmeno pensare a un funerale. E i burocrati non affrontano il dolore dei genitori. Dopo il funerale, la vita è andata avanti e ho accuratamente evitato i posti in cui siamo andati con il bambino. Uno dei nostri vicini, una madre di tre figli, ha aiutato molto. Mi ha alzato al mattino, roccioso, e ha fatto la spesa, come se nulla fosse successo. Penso sia positivo che tu non abbia avuto aspettative. Non è il freddo quella volta che ho visto i bambini, ma piuttosto quando si aspettavano che mi comportassi bene. In uno dei negozi vicini, il venditore ti ha chiesto: non dovresti diventare nero? L'inferno è andato storto - aggiunge Szilvi.

Kineziolуgusnбl

"Sfortunatamente, non è stato chiarito che la sedazione non può essere fermata, metà anno." Non sapevo, ho smesso, ho iniziato ad andare da uno psicologo. Il primo piangeva meglio di Jin, non andavo molto con lui. Al secondo compleanno di Benedict, arrivò il primo attacco di panico. Nuovo psicologo, era forte, ma stava cercando di guidarmi in una nuova direzione, non per curare troppo, non l'ho tenuto, e non ho avuto problemi. Sebbene le mie condizioni siano migliorate molto lentamente, non abbiamo rinunciato al fatto che avremo ancora figli. A casa abbiamo parlato di chiedere un test genetico, ma abbiamo deciso di non farlo. Ci sarà quello che sarà, fidati di noi! Certo, stavo cercando una mano. Una casalinga amichevole ha combattuto il bambino per così tanto tempo e sono riusciti a raccomandare la kinesiologia. Sono andato da un kinesiologo e mi ha detto che il suo bambino non si sarebbe riunito in due anni. Abbiamo iniziato gli esercizi. Mi ha tenuto per mano, ha elencato i suoi manubri e i suoi muscoli non mentivano. Ci sono stati i crampi in cui mio padre ha menzionato il giorno della sua morte e, naturalmente, Benedetto. Il kinesiologo ha detto che dovevo lasciar andare. Lo tengo stretto, è la sensazione più forte. Mi ha chiesto di dire le frasi di rilascio. Devo vederti di fronte mentre oscilla lentamente, gloriosamente, lentamente. Abbiamo risparmiato due volte di nuovo in kinesiologia - terza volta incinta! Non avevo un lavoro, mentre ero a casa, ho perso il lavoro, quindi ho deciso di ottenere un diploma, iscrivermi a un college e studiare è stata una grande distrazione. Arrivò una gravidanza, ma l'ottava settimana era sparita. Ho stretto i denti, devo farlo fino in fondo! Tutta l'eccitazione del periodo dell'esame è arrivata, mi sono davvero occupato di tutto, non ho avuto il tempo di essere triste. Il test è stato positivo a gennaio! E nel settembre 2006, Sebesty è nato!

Giorni felici

- Ho fermato la merda. Erano i Sabbath: si esibivano dalla mattina alla sera, avevano una giornata a casa ed era meraviglioso andare a casa. Per l'ultimo periodo di esame e per l'ultimo anno di lavoro di diploma, il fratellino Tamara era qui senza alcun aiuto di kinesiologia. Sì, con estrema cura, quando arrivano al collo, chiediamo un teschio due volte. La dottoressa sembra capire Marianna Fodor, oltre che una specialista in Maternity Magazine, che vede sempre con entusiasmo i bambini di Olbah.
- Sono molto sensibile, non voglio nemmeno guardare le notizie, il panico è ancora lì, ma sto guarendo. Vado da uno psichiatra ogni due settimane e non devo più assumere farmaci! Mi concentro sui miei compiti e mi concentro sui nostri due bambini belli e sani. Ma Benedetto resta sempre qui. Abbiamo perso la foto e Sebi ne vuole parlare prima di andare a scuola. Tempo di fortuna!