Raccomandazioni

La donna senza morte dà alla luce un risultato medico unico a Debrecen

La donna senza morte dà alla luce un risultato medico unico a Debrecen


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Già a casa, un bambino concepito all'età di 27 anni, ricoverato in ospedale per tre mesi con morte cerebrale, è stato assistito da un parto cesareo nell'estate del 2013.

Dopo il parto, i segni vitali della donna di 31 anni sono stati mantenuti per due giorni: durante questo periodo, ha decapitato all'unanimità 5 organi e li ha ricevuti in attesa del trapianto di organi. Un mondo senza precedenti di drammi umani e drammi medici ha avuto luogo presso il Centro di scienze mediche e sanitarie dell'Università di Debrecen. In queste condizioni, la giovane donna che inizialmente ebbe un bambino fu portata all'ospedale più vicino: il suo bambino aveva 15 settimane. Da lì, è stato trasportato in elicottero d'urgenza alla clinica di neurochirurgia del centro medico e sanitario dell'Università di Debrecen (DE OEC). Allora eri in una condizione pericolosa per la vita. Tutto ciò è accaduto nell'aprile 2013.
La donna è stata immediatamente colpita. Un tubo è stato inserito nella camera del cervello per abbassare la pressione e abbassare il sangue. L'operazione ebbe successo e il cervello smise di funzionare. Non riacquistò la testa. Era morto di cervello, ma la sua funzione cardiaca era mantenuta, ventilata artificialmente e supportata la funzione d'organo. Ma non solo il feto è morto, ma si stava muovendo, come ha mostrato l'ecografia.

Papà voleva il bambino

Il padre in pericolo di vita, i genitori e i dottori della donna, si trovavano in una situazione estremamente drammatica. Cosa possono fare e fare? Dovremmo lasciare morire il feto di 15 settimane o provare il quasi impossibile? Perché è quasi impossibile mantenere il funzionamento del corpo della madre morto nel cervello e nel frattempo aumentare il feto nell'utero fino a quando il bambino non può nascere.
I medici sapevano che c'erano alcuni casi del genere nel mondo, ma i feti nati da una madre morta nel cervello erano quasi invariabilmente più grandi in gravidanza. La sopravvivenza del feto non era affatto certa, e non era affatto garantito che sarebbe stato sano se fosse stato illuminato. Nonostante tutto, i parenti e i medici hanno deciso congiuntamente di lottare con l'infanzia deliberatamente pianificata e molto attesa. Mentre la madre piangeva, abbiamo scelto la vita.

Sfida e collaborazione professionali

Anche la ferita mentale e la professione medica erano orrende: una donna morta veniva curata organicamente, proteggendo il suo feto e per il meglio del mondo. Pertanto, una collaborazione interdisciplinare senza precedenti è stata stabilita tra i dipartimenti e i medici del Centro di scienze mediche e sanitarie dell'Università di Debrecen. Prof. Dr. Béla Fülesdi, Presidente del DE OEC, Capo del Dipartimento di Anestesiologia e Terapia Intensiva, Università Dr. Molnár Csilla, terapista intensivo di anestesista, Capo del Dipartimento di Neurochirurgia Int. con la guida genetica clinica, un complesso team medico ha lavorato giorno e notte per garantire la circolazione, la respirazione, l'equilibrio ormonale della madre, la corretta alimentazione e la vitalità fetale. Il team comprendeva il Prof. Dr. Endre Nagy, un endocrinologo, e la Dr. Piroska Orosi, professore associato di ospedali.
La lotta ebbe successo. Superando molti problemi medici, hanno sollevato con successo il feto nel cervello delle donne che sono morte per morte cerebrale. Non appena abbiamo saputo del genere, la ventesima settimana di gravidanza - una rassicurazione per gli operatori di terapia intensiva - prende il nome dalla sua famiglia. Ma il nome della bambina era a malapena presente quando le condizioni di sua madre peggiorarono: sebbene avessero superato molte infezioni, aveva la sepsi del flusso sanguigno. Ma la donna e i suoi dottori hanno vinto l'infezione.

La settimana 27 è nata

Il feto è quindi nato e parlato con il nome di un bambino. La famiglia li visitava regolarmente: il padre e la nonna accarezzavano la pancia della madre e parlavano con il bambino. E in palestra, il monitor era costantemente acceso, in modo che il feto potesse sempre ascoltare musica e musica umana.
Il momento ottimale per il taglio cesareo è determinato attraverso la consultazione interdisciplinare. Oltre a determinare il tempo per l'intervento pianificato, l'elenco delle cose da fare necessario è stato preregistrato in pochi minuti. È stato un momento indicibile quando la bambina è stata cresciuta il 90 ° giorno della sua 27a settimana di gravidanza, nel luglio 2013, da sua suocera, ed è stata abbattuta! Nascita prematura precoce avanzata e sana - 1420 grammi. Ci sono volti chiari in sala operatoria, dottori amorevoli e un padre e una nonna sanguinanti nel corridoio. Potevano prima vedere il bambino quando venivano trasferiti nella classe di prematurità.
Dopo l'intervento chirurgico, medici e familiari hanno deciso di aiutare gli altri con gli organi della madre morta. Il giorno 92 delle cure mediche della donna, ora era spogliata del suo corpo e si offrì di essere trapiantata. Il fegato, i due reni, il pancreas e il cuore. Due di questi organi furono dati allo stesso paziente, e così le vite di una donna furono salvate dopo la morte della donna.
A causa dell'elevato livello di assistenza precoce, il bambino è stato completamente dimesso dalla clinica di Debrecen entro la settimana 37 di gravidanza. Il bambino è sano, ben sviluppato. È tornata a casa nell'autunno 2013.



Commenti:

  1. Menhalom

    Classe! Rispetto dopo!

  2. Kagajinn

    Uuurraaaa, infine, Zaber

  3. Zulurr

    Si Certamente. Tutto quanto sopra è vero.

  4. Emest

    Dovresti dirlo - un modo falso.

  5. Amold

    Ottima idea e puntuale



Scrivi un messaggio