Altro

I bambini di madri di età inferiore ai 20 anni sono a maggior rischio di ADHD


Secondo un nuovo studio del Sud Australia, le madri più giovani hanno maggiori probabilità di avere un figlio con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD).

I bambini di età inferiore ai 20 anni hanno un rischio maggiore di ADHD (Fotу: iStock) Uno studio pubblicato su Scientific Reports ha studiato la relazione genetica tra i tratti riproduttivi femminili e il più comune йs in particolare le donne di età inferiore ai 20 anni hanno maggiori probabilità di avere figli con ADHD.Il kutatбshoz informazioni Egyesьlt Kirбlysбg Biobankjбnak si basa dati vettйk genetici da 220 685 nх vizsgбltбk, portando il nхk цtfйle reproduktнv tulajdonsбgбval цsszefьggйsbe: il elsх szьlйs йletkorбval, йletkor l'egyьttlйtkor elsх orientamento sessuale, йletkor il elsх menstruбciу idejйn, йletkor alla menopausa йs lo szбma йlveszьlйsek . Abbiamo studiato come questi disturbi psichiatrici possano essere associati a questi fattori: ADHD, autismo, comorbidità, depressione, disturbo bipolare e schizofrenia. Il professor Hong Lee, professore associato, afferma che i loro risultati possono migliorare la salute riproduttiva delle donne. "Comprendere il rapporto tra maternità e ADHD nella nostra giovinezza può educare e sostenere meglio le famiglie colpite", ha spiegato il professore. Secondo te, possiamo informare le giovani donne che esiste un rischio maggiore di ADHD nei bambini se la madre ha meno di 20 anni, Possono anche fornire consapevolezza su caratteristiche come l'impulsività e comportamenti disattenti associati all'ADHD, in modo che possano essere notati in tempo se un bambino è colpito. Questo è importante, dice, perché l'ADHD può essere trattato, ma la diagnosi precoce è la chiave per risultati positivi. - È importante capire che esiste un chiaro legame genetico tra giovani madri e bambini con ADHD, ma questa non è necessariamente una relazione causale. L'ADHD è una malattia congenita, quindi bisogna tenere presente che la madre può avere geni che hanno una maggiore influenza sul rischio, ha detto Lee. (VIA)Link correlati: