Altro

Papà, ho bisogno di te!

Papà, ho bisogno di te!


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Le difficoltà si aggiungono alla vita di ogni famiglia. Anche se i genitori fossero preparati per la famiglia. Stephen racconta la storia.

Gabi, Stephen, Marci e Vince

Stephen Koch non nega che quando Marci è nato, ha avuto difficoltà a indossare i primi mesi. Il bambino ha trascorso tutto il suo tempo di veglia con sua madre e sono rimasta sola. Così ho iniziato a spazzolare e volevo togliere la mia parte dall'allattamento al seno. Pensavo che trasportare fosse il mio unico punto di contatto nella scatola, quindi ogni volta che potevo (e il mio ragazzo), creavo il bambino il prima possibile. Mi sono sentito più vicino a me stesso e, soprattutto, è stato adottato molto presto. Il nostro rapporto mi è venuto presto in mente che, se non quanto la mamma, ma anch'io sto bene.

Papà, ho bisogno di te!

Il trasporto è stato un legame importante tra me e i miei figli da allora. La prima cosa che ricordo è che erano davvero sconvolti per strada quando avevo un bambino. Soprattutto quando stavo uscendo con lui da solo. Come se questo fosse accettato, probabilmente ne stanno portando sempre di più. Diciamo che posso mostrare alla community un nuovo momento. Quando spostiamo tre persone da qualche parte - la piccola legata / indietro e quella grande sulla mia bici durante la mia infanzia - ricevo annuisce riconoscenti e sguardi leggeri. ‒ È anche importante aggiungere, dice Gabriella, che non abbiamo mai e il papà mi ha aiutato. Entrambi abbiamo figli ed è naturale che Stephen prenda la parte di tutto. Ad esempio, quando nasce un bambino piccolo, anche il bambino più grande vuole dormire con un adulto. E l'adulto è letteralmente mio figlio, perché sto ancora allattando. Quindi entrambi si svegliano, iniziano la giornata insieme ed è molto importante per entrambi. Studio e Gabriella hanno cercato di essere flessibili nel gestire situazioni impreviste e di non attenersi rigidamente alle regole. Sebbene più recentemente Stephen venga in contatto con suo figlio, non esiste un letto familiare comune. ”Ciò riflette principalmente il mio punto di vista - mi dice Stephen. - Possiamo tenerci d'occhio nelle ore serali, quindi penso che sia importante mantenere il sonno esterno. E temo seriamente che una volta che li lascerai entrare, usciranno tra una dozzina di anni, e davvero non ne ho voglia. Nella genitorialità, l'enfasi non è sui principi di chi sta andando, ma su ciò che è meglio per la famiglia in questione. Non seguiamo la massa e utilizziamo i suggerimenti dei libri di testo, ma facciamo affidamento sulle nostre intuizioni interne. Se non siamo sicuri di qualcosa, dovremmo discutere con noi in quale ufficio dovremmo passare. In una situazione del genere, non importa se il padre o la madre sono i responsabili delle decisioni. Non vi è alcun privilegio né esclusione. Siamo uno.
- Levati l'Abate!
- Padre e genitori



Commenti:

  1. Fesar

    Blog divertente :)

  2. Winter

    Bene, cosa successiva?

  3. Mikakus

    la risposta notevole :)

  4. Yolar

    Credo che tu abbia sbagliato. Sono sicuro. Cerchiamo di discuterne.



Scrivi un messaggio