Informazioni Utili

A causa della mancanza di vaccinazione, un bambino è stato allattato in ospedale per 57 giorni


Non ha ricevuto un rimedio di emergenza e il ragazzo ha avuto spasmi muscolari in tutto il corpo. Era stato in ospedale per un totale di 57 giorni.

A causa della mancanza di vaccinazione, un bambino è stato allattato in ospedale per 57 giorniUn bambino dell'Oregon di sei anni non ha ricevuto protezione contro il tetano. Stava giocando in una fattoria quando si è rotta la fronte. Sebbene la ferita sia stata curata sul posto, pulita e cucita insieme, un paio di giorni dopo sono comparse le mascelle rigide del bambino e gli spasmi muscolari involontari. Inoltre si ammalò e fu immediatamente ricoverato in ospedale, dove trascorse un totale di 57 giorni, di cui 47 nel reparto di terapia intensiva.
Non coinvolti nella vaccinazione - indipendentemente dall'età o dall'età - esiste un alto rischio di tetano e il recupero dalla malattia è estremamente difficile e di lunga durata.
Il tetano è una malattia neuromuscolare acuta causata dal batterio Clostridium tetani. I funghi batterici trovati nel terreno entrano nel corpo umano attraverso la rottura della pelle e compaiono entro 3-21 giorni (di solito 8 giorni) dopo la rottura. Una volta nella ferita, producono una tossina chiamata tetanospasmo, che può essere contrastata dalla vaccinazione con il tossoide tetanico. Più di 30 anni fa, questo bambino era il primo caso dell'Oregon: il batterio tetano è difficile da rilevare nelle ferite, quindi è più probabile che la diagnosi si basi sui sintomi clinici. Non esiste un alto rischio di tetano nella vaccinazione e il recupero dal tetano non implica immunità alla malattia. All'età di 4, 18 mesi, poi all'età di 6. In età adulta, si raccomandano vaccinazioni di richiamo del tossoide difterico e di tetano ogni 10 anni.
  • Diverse centinaia sono state accusate di applicazione obbligatoria delle vaccinazioni
  • Il vaccino potrebbe salvare 1,4 milioni di bambini ogni anno
  • Vaccini obbligatori e opzionali per bambini - Ordine di vaccinazione