Sezione principale

La mamma inizia a lavorare


Trovare il giusto equilibrio tra lavoro e privacy non è facile. Herman racconta la storia.

Ho ricominciato a studiare con i bambini


Christopher Tripu ha ancora un altro anno da tornare, il suo bambino ha cinque anni e suo figlio ha diciotto mesi. Aveva fatto diverse stampe grafiche ed era stato un ingegnere di stampa per uno studio grafico prima di rimanere incinta.

"Sapevo che quando i bambini sarebbero nati, si sarebbero trasferiti in primo luogo e avrei sicuramente trascorso tre anni con loro a casa. la soluzione non era tornare a lavorare velocemente, ma continuare ad allenarmi in questi anni ". è incinta Stavo pensando molto.
Krisztina BĂĄr rimane in contatto con i suoi colleghi, il suo capo non può dire con certezza sul futuro. "Sono stato a casa per cinque anni, ovviamente hanno assunto qualcuno. Se sto pensando di andare al lavoro, l'incertezza è l'unico punto sicuro. la mia professione, ecco perché ho paura della situazione ".
Come seconda figlia, Christina ha iniziato a perdere il libro, lavoro. Molto è stato riferito che suo marito ha trovato molte attività di progettazione e marketing nel settore della carpenteria.
"Il fatto che sono stato in grado di sopravvivere in diverse situazioni, Lei ha dato la sua fiduciae ha contribuito a delineare dove voglio andare professionalmente. Mi sono iscritto a un corso di progettazione di siti Web online corso successivamente devo creare il nostro fantastico sito Web. Fortunatamente, mio ​​fratello mi dà il massimo supporto e senza il suo aiuto non sarei in grado di dedicare del tempo allo studio. Voglio fare piccoli lavori in questo momento durante il parto e penso che all'inizio sia possibile che questo modulo sia compatibile con le esigenze della famiglia e dei bambini ".

Mi affido a mia nonna


Modifica Vass è la madre di una bambina di un anno e mezzo e una bambina di due anni. Ha trascorso un anno con i suoi figli a casa. Puoi dire di essere fortunato perché sei stato licenziato dalla tua vecchia azienda, dove attualmente lavori come contabile. L'umore è intenso e poiché ci sono molte lavoratrici, capiscono che avere figli ha qualcosa a che fare con questo.
"Lavoro a tempo pieno, ma essendo vicino al mio posto di lavoro, era anche possibile. Tuttavia, senza la nonna, sarebbe stato quasi impossibile risolvere pause più lunghe - ma entrambi sono rilassati, si preoccupano anche dei bambini malati. mio marito lavora in un arco di tempo tale da non poter prendere parte alla scuola di saggezza delle ragazze ".
A Edit è stato facile rispondere dopo la nascita del primo bambino, ma dopo il secondo ha sentito che doveva imparare una nuova professione, tanto è stato il cambiamento. "Inoltre, il mio piccolo bambino ha allattato per la notte, che è una fantastica fonte di salute, e ha reso difficile la vita durante il giorno. il mio lavoro è importanteama e conta su di me ".

Ancora una volta, ho capito me stesso

Gabriella Ruzzahegyi-Mayer, la madre di un bambino di tre anni e di un bambino di diciassette mesi, perse le sue condizioni non appena rimase incinta. - Nonostante abbia ricevuto solo feedback positivi sul mio lavoro, quando ho scoperto di essere incinta, sono stato immediatamente licenziato. Hanno interrotto tutti i contatti con me ed erano disposti a negoziare solo quando li ho citati in giudizio e hanno avuto il tempo. A quel punto, le nostre risorse finanziarie e mentali erano così esaurite che siamo stati in grado di accettare un accordo stragiudiziale: hanno rimborsato un importo minimo di retribuzione nei mesi di gravidanza, ma non lo hanno ripreso. Era chiaro che dovevo iniziare da zero dopo il cucciolo.
Gabriella ha lavorato nel settore della decorazione di mostre e hotel, ha adorato il suo lavoro e ha avuto successo. Quando era chiaro che i suoi figli non sarebbero stati saggi, era sempre più alla disperata ricerca di lavoro.
- È stato vago per me quello che voglio iniziare. Dopo ulteriori idee e sperimentazioni, ho trovato un corso in cui ho acquisito familiarità con il design delle immagini. Ho capito subito che questa era la mia strada, quindi ho dovuto continuare. Oggi sono abbastanza fortunato da avere avuto il tempo e l'opportunità di ripensare il mio rapporto di lavoro e trovare quello che sono davvero in grado di fare.