Altro

La storia di Poci e il murale Gyarmati Viki

La storia di Poci e il murale Gyarmati Viki



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Le avventure di Poci continuano. Aggiungere un pacchetto di pennarelli e un pezzo di carta a una fiaba non ha importanza.

La famiglia iniziò a fare shopping per un bel duluth primaverile. Nell'enorme centro commerciale, Poci viaggiava pazientemente nel carrello. Lui sorrise leggermente. Una volta indicò le bellissime pennarelli colorati sullo scaffale: "Mamma!" Guarda quali sono i colori! Disegniamo una mosca!
La mamma ha rimosso i pennarelli dallo scaffale.
- Questo è qualcosa per te! È facile lavarsi le mani e i vestiti e lavarlo ”, ha detto, e lo ha messo nel cestino.
- Disegnerai? Chiese papà al bambino. Poci sorrise e indicò felicemente il feltro nel cestino.
Dopo l'acquisto, molti papà sono stati portati da papà e mamma nell'appartamento. Poci mi ha anche aiutato con entusiasmo. Mentre venivano disimballati in cucina, Poci si precipitò nella sua stanza con i suoi nuovi pennarelli. Il silenzio è stato grandioso. La stanza era piena di cigolii, non si udì molto. Mamma e papà cercavano invano pennarelli nelle loro borse.
"Qualcuno ha tradito", ha detto papà.
- Sì! Guarda, chi potrebbe essere! Disse la mamma mentre sbirciava nella stanza di Poci.
I pennarelli erano dappertutto sul terreno. Poci ha creato pensosamente un muro.
- Caspita! Non strofinare il muro! Disse la madre scioccata.
- No! Non è una bella cosa! La voce di papà risuonò.
Il guanto di Poci è il più bello e una lacrima brillava negli occhi castani.
- Non essere triste! Proviamo a lavarlo via, la mamma ha abbracciato il suo bambino disperato. - Dai, aiutami!
Nel bagno, la mamma versò dell'acqua tiepida in una grande ciotola e la pulì.
- Porta solo le spugne. - chiese sua madre Poci e si diresse all'asilo.
Il ragazzino dai capelli piccoli con le spugne in mano seguiva la madre oltre il muro.
"Prima lo adoro," disse la mamma mentre si tuffava nell'acqua e svitava la spugna.
"Nel frattempo, dobbiamo raccogliere i pennarelli", suo padre si chinò su Pochi.
La mamma pulì con cura il muro con la spugna umida e le linee di colore scomparvero.
- Successo! Gridò Poci. - Mi hai aiutato!
- Senti, devi! La mamma indicò il suo aiutante entusiasta. La mazza scomparve lentamente.
Papà prese una carta enorme nel mezzo. - Puoi disegnarci sopra! ha detto.
- Attaccalo da qualche parte! Suggerì la mamma. - Dove lo vuoi? si rivolse a Poci. Il ragazzino indicò la fine del suo bambino.
- È una buona idea! Papà si girò e incollò l'enorme lenzuolo bianco.
- Posso disegnare qui? Chiese Poci.
Mamma e papà, sorridendo, hanno risposto:
- Certo! Ma solo sulla carta! Se l'hai disegnato, sostituisci la pagina. E disegniamo tutti i disegni sotto il tuo letto!
Poci ha iniziato a disegnare. Mamma e papà erano stupiti della piccola arte.