Sezione principale

Essere un padre è la tua più grande felicità

Essere un padre è la tua più grande felicità



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Si parla molto dei cambiamenti emotivi nella maternità, ma si parla meno dei maschi. Ma sono anche toccati dai nove mesi. Vili mesile.

Vili Szendriny e Martina, che erano incinta da nove mesi, furono rese più difficili dal fatto che Vili veniva spesso portato a lavorare in Inghilterra. "Certo, molte volte mi è dispiaciuto perdere le cose, ma fortunatamente su Internet, la videocamera può ridurre un po 'le distanze", afferma Vili.
- Per me La pancia di Martina significava "gravidanza", il cambiamento fisico mi ha aiutato ad entrare nella situazione. Mentre cresceva, sentivo sempre di più che i miei sensi si stavano trasformando. Quando tornai a casa, rimasi sempre sorpreso dai cambiamenti di Martina, anche se durante le mie uscite mi accompagnò molte volte.

Martina Szendrйnyi, Vili e Hanna

L'ho fatto per gli esami, ma non ho indossato l'ecografia. Ero così eccitato per la prima grande ecografia genetica che andava bene avere una nausea molto grave durante l'intervento chirurgico, mi sono dovuto sedere. Sfortunatamente, quando ero un po 'vecchio, evitavo le situazioni mediche, quindi Martina non mi costrinse a partecipare agli esami, ma ero felice di aiutarla comunque.
Abbiamo anche parlato dell'elenco di Kelen e, in Inghilterra, ero perfettamente orientato tra piccoli stivali e giacche da auto. A causa di tutto ciò, ad esempio, non ha funzionato davvero la nascita del padreanche se, nonostante il fatto che queste cose siano così sopportabili per me, se Martina lo avesse chiesto, avrei scelto.
- Conosco Vili, conosco i suoi confini, non volevo spingere la richiesta di mio padre e sono nato con mia madre e mia madre. All'inizio può sembrare bizzarro, ma per me è stato molto gratificante, avevo molta paura che mia madre fosse lì, dice Martina. - E anche se Vili non poteva venire con me alla nascita, mi ha aiutato. Lo ammetto, Avevo paura della nascitae mi hanno tenuto molto consapevole di ciò.
Ogni volta che avevo paura, mi chiedeva sempre di concentrarmi solo sul passaggio successivo e avrebbe funzionato. Dal momento in cui ho saputo che era con me, ho sentito che sarebbe andato tutto bene. Quando ho incontrato per la prima volta Hannah, la mia bambina dopo la nascita, c'era qualcosa di precedentemente sconosciuto, un senso di enorme orgoglio e gioia.
"Per me, essere padre è la più grande felicità", afferma Vili. - Quando tornano a casa dal lavoro e Hannah corre da me, non ho più piacere. Sono molto orgoglioso della mia famiglia!