Risposte alle domande

Baby from the Flask - Una breve storia di fecondazione in vitro

Baby from the Flask - Una breve storia di fecondazione in vitro



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Ci volle un anno prima che la prima fiaschetta sana, Louise Brown, e trenta nascessero dopo aver sperimentato le cavie, per diventare una fecondazione artificiale quotidiana. Una breve storia di fecondazione in vitro.

La possibilità di un trattamento di infertilità è di indurre la produzione dell'ovocita all'esterno del corpo - in vitro, cioè nella fiala - e di ripristinare questa iniziazione embrionale nella prima fase di sviluppo nell'utero. La possibilità sorse non appena furono rese disponibili le conoscenze biologiche o fisiologiche appropriate, ma questi esperimenti fallirono in primo luogo.
Il primo esperimento registrato di questo tipo può essere collegato al nome di Schenk, che nel 1880 era puramente curioso: cercò di inseminare artificialmente conigli e cavie. Walter Heape sperimentò anche conigli, ma riuscì anche a rimuovere un embrione precoce da un ovulo e a trapiantarlo in un "bambino" nel 1891.Negli anni '30 Gregory Pincus iniziò a studiare la fecondazione in vitro con Enzman da solo, e mentre gli esperimenti sugli animali avevano successo, non sopravvissero, ma non sopravvissero. Tuttavia, questo metodo è ancora utile oggi e può essere considerato un vantaggio di GIFT.
Allo stesso tempo, è stato pubblicato il romanzo di Aldous Huxley "A Beautiful New World", che descrive in dettaglio un metodo artificiale di fecondazione artificiale in un modo molto realistico. Il romanzo futuristico ebbe un impatto su John Rock, uno dei colleghi di Pincus, che decise di provare a usare il metodo in vitro per aiutare a combattere l'infertilità. John Rock e il suo collega, Miriam Menken, hanno provato a concimare centinaia di ovuli umani durante la seconda guerra mondiale e hanno avuto un successo minimo, quindi hanno rinunciato a combattere dopo un anno. Rock e Pincus sono stati coinvolti nello sviluppo di contraccettivi ormonali.
Il 1950 йvekben vйgьl jбrtak successo in vitro megtermйkenyнtйs kнsйrletei: elхbb e di Charles Thibault nйhбny йvvel sikerьlt kйsхbb MC Chang йlх бllatokat segнteni vilбgra in vitro megtermйkenyнtett sejtekbхl.Ezt kцvetхen tцbb più attenzione è stato il mestersйges megtermйkenyнtйs megfelelх kцrьlmйnyeinek continuamente javнtottбk , perfezionato le nostre tecniche. Nel 1961, per la prima volta, la laparoscopia fu utilizzata per ottenere le cellule uovo. E nel 1965, gli scienziati americani hanno ricominciato a praticare la fecondazione artificiale degli ovuli umani. Oltre ai dettagli "tecnici", è stata prestata sempre maggiore attenzione ai cambiamenti ormonali nell'ovulazione e nella gravidanza. Di conseguenza, siamo stati in grado di determinare l'ora esatta dell'ovariectomia. Ha anche rappresentato una svolta nel fornire il giusto mezzo per la fecondazione in vitro. L'applicazione della laparoscopia ha reso ancora più semplice l'ottenimento di ovociti (che in precedenza richiedevano un intervento chirurgico addominale grave).
Home page del diario multimediale
animбciу

Fecondazione in vitro

riproduzione 1973 Gli scienziati austriaci Carl Wood e John Leeton annunciano la nascita della prima gravidanza usando embrioni fecondati in vitro; questo fu in seguito definito gravidanza "biochimica".
Nel luglio 1978, i "risultati" di Patrick Steptoe e Robert Edwards portarono alla vita la prima fiaschetta, Louise Brown, britannica, finalmente nata. Questo è stato seguito negli anni seguenti da altri bambini in Austria, Stati Uniti, Francia e Svezia. Nel 1982 nacquero i primi gemelli. E nel 1983, il bambino è stato il primo uovo di donatore. Anche quest'anno è nato il primo bambino nato da un embrione congelato. Nel periodo successivo, divenne anche evidente che l'inseminazione artificiale può essere utilizzata con successo in molte forme di infertilità, come il basso numero di spermatozoi.
Nel 1978, dopo la nascita del primo matraccio sano, più di tre milioni di bambini sono nati nel mondo, a seguito della fecondazione in vitro. Ogni quarto esperimento ha successo e gli scienziati ricercano costantemente metodi sempre più nuovi per dare alla luce coppie sempre più sterili.