Risposte alle domande

La donna morta aiutava la baby doll a SOTE

La donna morta aiutava la baby doll a SOTE


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

A causa di un infarto, una donna incinta era ancora in ospedale a maggio. Sfortunatamente, il danno cerebrale non ha potuto essere invertito dopo due mesi e mezzo e mezzo con un taglio cesareo.

Nel giugno 2014, una donna incinta di un feto di 24 settimane è andata all'università di Semmelweis in seguito alla rianimazione in loco. La causa dell'arresto circolatorio fu un infarto, il cui trattamento acuto si interruppe immediatamente. Lo stato cardiovascolare del paziente è stato stabilizzato con successo, ma il danno cerebrale causato dall'arresto circolatorio si è rivelato irreversibile. In accordo con la famiglia, tuttavia, le funzioni vitali della madre materna sono state mantenute con una terapia speciale presso la Clinica di Anestesiologia e Terapia Intensiva dell'Università Semmelweis per la nascita di un bambino. Il bambino è nato due mesi e mezzo dopo un taglio cesareo con l'aiuto di un team di medici appositamente preparato. Il bambino nasce a 2300 grammi, nato prematuro ma in condizioni stabili.

La donna morta aiutava la baby doll a SOTE

Ciò che rende speciale questo caso dal punto di vista medico è che nel mondo sono state segnalate poche somiglianze. Il capo del gruppo del dottore, il dott. János Gál, direttore della clinica di anestesia e terapia intensiva, ha affermato che il caso ha avuto un successo eccezionale, in quanto potrebbe salvare il bambino La cura e la dedizione dei poli ha contribuito notevolmente a tutto ciò, ha aggiunto il regista. Sebbene l'assistenza sia stata fornita nell'unità di terapia intensiva, il successo è stato determinato dalla collaborazione di diverse specialità. Cardiologi, ginecologi, ostetriche, neonatologi erano presenti anche nell'unità di terapia intensiva, oltre all'unità di terapia intensiva.