Risposte alle domande

Facciamo prima questo errore!


Non possiamo nemmeno pensare che una qualche forma di errore visivo possa verificarsi fin dall'infanzia. Spesso impediamo un ulteriore deterioramento se ci rivolgiamo a uno specialista a tempo debito.

Un esame oftalmologico è garantito nella prima metà se la famiglia ha una grave patologia oculare o se si ha un bambino prematuro. A questa età, i genitori hanno difficoltà a riconoscere un errore visivo e non possono semplicemente fare affidamento sui segni del bambino.
Se i due occhi non sono paralleli, non aspettarti di essere "superato" dal bambino, anche se può succedere che a volte vengano bendati nei primi mesi. Al primo passaggio dell'esame, l'oculista rilascia un collirio sull'occhio del bambino che rende immobile l'obiettivo della lente.

Facciamo prima questo errore!


Dopo alcuni giorni, il medico utilizza uno strumento speciale attraverso la pupilla dilatata per alleggerire il nervo e misurare la funzione visiva e l'aspetto dell'immagine. L'esame non è doloroso, ma a causa della pupilla temporaneamente allargata e inabile, in questi giorni non espone il bambino a una luce intensa. Naturalmente, l'effetto del collirio si spiega da sé, poco dopo il test.